Servizi di consulenza e progettazione per Aziende, Privati e Pubblica Amministrazione Chiamata gratuita Numero Verde 800 91 22 65

L’illuminazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro

L’illuminazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro

Seclampada emergenzaondo le definizioni sia della pubblicazione dello IEC* n. 458 che del Vocabolario elettrotecnico internazionale, l’illuminazione di riserva presente nei luoghi di lavoro “consente di continuare o terminare l’attività ordinaria” mentre l’illuminazione di sicurezza ha la funzione di “evidenziare le vie di evacuazione e di garantirne la individuazione e l’utilizzazione con sicurezza”.
Queste le disposizioni della normativa europea CEN (Ente normativo che ha lo scopo di armonizzare e produrre norme tecniche in Europa in collaborazione con enti normativi nazionali e sovranazionali, per esempio l’ISO) eCENELEC (Comitato europeo per la normalizzazione elettrotecnica).
1- L’illuminazione delle uscite d’emergenza deve garantire: a) una sicura uscita dall’edificio attraverso vie di fuga adeguatamente segnalate e chiaramente individuabili; b) la pronta identificazione degli allarmi e delle attrezzature antincendio lungo le vie di uscita.
L’illuminamento* deve essere non inferiore a 2 lux ad 1m dal piano del calpestio, in qualsiasi punto della via di esodo, e di 5 lux in corrispondenza delle scale e delle porte.
2- L’illuminazione contro il panico deve essere presente nelle zone particolarmente ampie e in quelle attraversate dalle vie di esodo.
L’illuminamento non deve essere inferiore a 2 lux.
3- L’ illuminazione di ambienti a grande rischio nei quali gli operatori sono adibiti in processi particolarmente pericolosi, deve consentire un’adeguata procedura di sicurezza.
L’illuminamento minimo previsto deve essere pari al 10% di quello normale e comunque non inferiore a 15 lx e deve essere disponibile entro 0,25 sec.
La UNI CEI 11222:2013**, in vigore dal 7 febbraio 2013 individua le procedure per effettuare le verifiche e la manutenzione periodica degli impianti di illuminazione di sicurezza degli edifici, sia, quindi, degli apparecchi per illuminazione di emergenza (di tipo autonomo o ad alimentazione centralizzata) che di altri eventuali componenti utilizzati nei sistemi di illuminazione di sicurezza.
In un prossimo articolo si analizzeranno in particolare le procedure di manutenzione degli impianti.
* La quantità di luce che arriva su una superficie. Si misura in lux (lx) e si indica con la lettera E.
** Luce e illuminazione – Impianti di illuminazione di sicurezza degli edifici – Procedure per la verifica e la manutenzione periodica.

GARUCCIO studio di ingegneria
About The Author

There are no comments yet, but you can be the first



Comments are closed.