Servizi di consulenza e progettazione per Aziende, Privati e Pubblica Amministrazione Chiamata gratuita Numero Verde 800 91 22 65

Finanziamento 50% a fondo perduto per efficienza energetica.

Finanziamento 50% a fondo perduto per efficienza energetica.

BANDO CHIUSO!  –  FINANZIATI IL 100% DEI PROGRAMMI PRESENTATI! 

obiettivo

SCHEDA INFORMATIVA BANDO MISE EFFICIENZA ENERGETICA 2015
 

VECCHIO BANDO
COSA FINANZIA
La realizzazione dei seguenti interventi funzionali alla riduzione di almeno il 10 per cento rispetto ai consumi pregressi dei consumi di energia primaria all’interno di un’unità produttiva esistente.
a) isolamento termico degli edifici al cui interno sono svolte le attività economiche (es. rivestimenti, pavimentazioni, infissi, isolanti, materiali per l’eco-edilizia, coibentazioni compatibili con i processi produttivi); b) razionalizzazione, efficientamento e/o sostituzione dei sistemi di riscaldamento, condizionamento, alimentazione elettrica, forza motrice ed illuminazione, anche se impiegati nei cicli di lavorazione funzionali alla riduzione dei consumi energetici (es. building automation, motori a basso consumo, rifasamento elettrico dei motori, installazione di inverter, sistemi per la gestione ed il monitoraggio dei consumi energetici); c) installazione di impianti ed attrezzature funzionali al contenimento dei consumi energetici nei cicli di lavorazione e/o di erogazione dei servizi; d) installazione, per sola finalità di autoconsumo, di impianti per la produzione e la distribuzione dell’energia termica ed elettrica all’interno dell’unità produttiva oggetto del programma d’investimento, ovvero per il recupero del calore di processo da forni e/o impianti che producono calore, o che prevedano il riutilizzo di altre forme di energia recuperabile in processi ed impianti che utilizzano fonti fossili nei limiti stabiliti nell’allegato n. 1 dell’avviso. I programmi d’investimento devono: • riguardare un’unità produttiva localizzata in Calabria di cui l’impresa proponente abbi la piena disponibilità per almeno 5 anni. • prevedere spese ammissibili non inferiori a euro 30.000,00 (trentamila); • essere avviati in data successiva al 17 maggio 2014 e non aver sostenuto, alla data di presentazione della domanda, spese superiori al 70 per cento del costo totale dell’investimento proposto; • per i programmi che accedono alle agevolazioni a fondo perduto: prevedere la realizzazione del programma d’investimento e il pagamento dell’ultimo titolo di spesa ad esso correlato non oltre il 31 dicembre 2015; per i medesimi programmi che presentano un costo complessivo superiore a euro 100.000,00, avere già sostenuto spese almeno pari al 30 per cento del costo complessivo proposto.    
N.B. SONO AMMISSIBILI GLI INVESTIMENTI (AD ESEMPIO REALIZZAZIONE DI PANNELLI FOTOVOLTAICI O IMPIANTI EOLICI A SERVIZI DIRETTO DELLA UNITA’ PRODUTTIVA) ANCHE GIA’ IN PARTE RALIZZATI PURCHE’ AVVIATI DOPO IL 17 MAGGIO 2014.
Le spese ammissibili sono quelle rientranti nelle seguenti categorie: a) opere murarie e assimilate, di valore non superiore, per gli investimenti diversi da quelli che prevedano isolamento termico degli edifici al cui interno sono svolte le attività economiche (es. rivestimenti, pavimentazioni, infissi, isolanti, materiali per l’eco-edilizia, coibentazioni compatibili con i processi produttivi), al 40 per cento dell’investimento ammesso; b) macchinari, impianti e attrezzature; c) programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa proponente, funzionali al monitoraggio dei consumi energetici; d) spese relative a servizi di consulenza diretti alla definizione della diagnosi energetica dell’unità produttiva oggetto degli interventi di risparmio energetico, alla progettazione esecutiva degli interventi e delle opere da realizzare, alle attività di direzione dei lavori, di collaudo e di sicurezza connesse con la realizzazione del programma d’investimento, nonché gli eventuali costi connessi con la progettazione e l’implementazione di un sistema di gestione energetica. Tali spese sono ammissibili nel limite del 10 per cento del totale dei costi ammissibili di cui alle lettere a), b) e c). Non sono ammesse le spese sostenute attraverso il sistema della locazione finanziaria, le spese relative a macchinari, impianti e attrezzature usati, le spese di funzionamento, le spese notarili, quelle relative a imposte, tasse, scorte, singoli beni di importo inferiore a 500,00 euro, al netto di IVA. A CHI SI RIVOLGE
Imprese costituite sotto ogni forma giuridica che siano: a) regolarmente costituite da almeno un anno e iscritte come attive nel Registro delle imprese; b) nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali; c) in regime di contabilità ordinaria; d) rientranti tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea; e) in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia e urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente e con gli obblighi contributivi; f) in regola con la restituzione di somme dovute in relazione a provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal Ministero; g) in condizioni tali da non risultare impresa in difficoltà. L’impresa non deve essere già destinataria di un decreto di concessione delle agevolazioni a valere sul decreto del Ministro dello sviluppo economico 5 dicembre 2013 e non operare in uno di questi settori identificati in base alla classificazione ATECO 2007: • A.02 – silvicoltura ed utilizzo di aree forestali; • F – costruzioni (ad eccezione delle attività di cui al codice 41.1 “sviluppo di progetti immobiliari”); • H – trasporto e magazzinaggio (ad eccezione delle attività di cui al codice “magazzinaggio ed attività di supporto ai trasporti”); • K – attività finanziarie ed assicurative; • L – attività immobiliari; amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria. • settore della pesca e dell’acquacoltura • settore della produzione primaria dei prodotti agricoli;
QUANTO FINANZIA
Contributo finanziario massimo di € 200.000,00 nelle forme alternative di: • contributo in conto impianti per una percentuale nominale massima delle spese ammissibili pari al 50%, per i programmi di importo fino a 400.000,00 euro che si concludano entro il 31 dicembre 2015; ATTENZIONE: SE IL PROGRAMMA DI INVESTIMENTI PREVEDE SPESE SUPERIORI AD € 100.000 E’ NECESSARIO AVER GIA’ SOSTENUTO ALMENO IL 30% DELLE SPESE. ovvero • finanziamento agevolato per una percentuale nominale delle spese ammissibili complessive pari al 75%, per i programmi che si concludano entro il 31 dicembre 2016. Il finanziamento agevolato deve essere restituito dall’impresa beneficiaria, senza interessi, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti scadenti il 31 maggio ed il 30 novembre di ogni anno, in un periodo della durata massima di 10 anni a decorrere dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo del finanziamento concesso. Il finanziamento agevolato non è assistito da particolari forme di garanzia. I soggetti beneficiari devono garantire, per la quota non coperta dalle agevolazioni previste dal comma 1, l’apporto di un contributo finanziario, attraverso risorse proprie ovvero mediante finanziamento esterno in una forma priva di qualsiasi tipo di sostegno pubblico.
Lo Studio di Ingegneria GARUCCIO effettua un’analisi preventiva per verificare che ci siano tutti i presupposti per partecipare al bando e di tutto l’iter tecnico-burocratico per la presentazione telematica della pratica.
Studio di Ingegneria GARUCCIO Bando MISE 2015 Efficienza Energetica

GARUCCIO studio di ingegneria
About The Author

There are no comments yet, but you can be the first



Comments are closed.