Servizi di consulenza e progettazione per Aziende, Privati e Pubblica Amministrazione Chiamata gratuita Numero Verde 800 91 22 65

L’impianto necessita di progetto?

La legge n° 46 del 1990 e il suo decreto attuativo n°447 del 91 hanno stabiliti i limiti dopo i quali qualsiasi impianto necessita di un progetto da parte di un tecnico iscritto ad un ordine di competenza. Nel 2008 però è uscito il DM n° 37 che ha abrogato la legge 46/90 e il suo decreto attuativo. Tale decreto ha modificato alcuni dei limiti di cui sopra, ma non di molto. Quindi per capire se il proprio impianto ha bisogno di progetto bisogna guardare il decreto attuotivo n° 447 del 91 per tutti gli impianti eseguiti fino al 2008 e il DM 37 per gli impianti successivi.
Incominciamo a vedere cosa diceva il decreto attuativo n° 447:
Obbligo di progetto se:
  • la potenza impegnata è superiore a 6 kW per le parti comuni delle utenze condominiali;
  • La superficie in pianta è superiore a 400 m2 per le unità abitative;
  • La tensione di alimentazione è maggiore di 1000V per le attività produttive;
  • la superficie in pianta è maggiore di 200 m2 per le attività produttive anche se sono alimentate a tensione inferiore a 1000V;
  • la potenza impegnata è superiore a 1,5 kW per tutta l’unità abitativa se all’interno di essa sono presenti ambienti soggetti a specifica normativa CEI oppure se sono presenti locali adibiti a studio medico o per i quali sussistano pericolo d’esplosione o maggior rischio in caso d’incendio;
  • coesistono con impianti elettrici con obbligo di progetto per gli impianti elettronici in genere
  • in edifici di volume superiore ai 200 m3 dotati di impianti elettrici soggetti a progettazione per gli impianti di protezione scariche atmosferiche
  • in edifici di volume superiore ai 200 m3 e con altezza superiore a 5 m.